Live different.
Life better

  • Nero Facebook Icon
  • Black Icon Instagram
  • Black Icon YouTube
  • Giacomo Bez

BAMBINI E SPORT: LA COMBINAZIONE PERFETTA PER UNA CRESCITA SANA

Children and Family è una bellissima occasione soprattutto per pensare al benessere dei bambini e delle loro famiglie. Il vero stato di salute dei figli non può essere considerato la sola assenza di malattie, una sana condizione fisica infatti è il riassunto di tutti i fattori, sia psichici, che fisici, cognitivi e sociali. Per la piena crescita sana di ogni bambino è fondamentale assecondare anche il fisiologico sviluppo delle sue capacità e abilità di movimento. L'infanzia è il periodo più importante e delicato della vita. E’ un tempo fondamentale durante il quale si denota una rapida e continua maturazione del sistema nervoso che è intimamente connesso son lo sviluppo neuro-plastico delle aree cerebrali.




Nella prima età scolare il linguaggio corporeo è forse più importante rispetto alle parole. Svolgere costantemente attività fisica, soprattutto attraverso il gioco e attraverso “sfide” motorie quotidiane, aiuta il bambino ad avere fiducia nelle proprie abilità, a migliorar la concentrazione (anche a scuola) ed essere più felice e sereno. Il bagaglio di esperienze motorie arricchisce e stimola i sensi permettendo al bambino di strutturare un’identità propria e favorendo il passaggio dal piacere di agire al piacere di pensare. E’ un momento chiave della vita di ognuno, in cui si definiscono le capacità motorie e le capacità di espressione del bambino, del ragazzo, dell’adolescente e del giovane atleta.

I bambini per mentalità e curiosità sono interessati a tutto ciò che li circonda. Proprio in ragione della loro costante voglia di muoversi e del loro bisogno di novità e varietà, accettano con entusiasmo ogni nuova proposta di gioco e movimento.


Le nuove scoperte sono vissute con grande gioia: i più piccoli hanno bisogno di momenti di svago durante i quali imparano a conoscere meglio se stessi, le loro abilità, così da accrescere pian piano la loro autostima, interpretando in modo più chiaro le proprie emozioni e la relazione con il prossimo.

Non è mai troppo presto per iniziare a sollecitare le capacità motorie del bambino, questa formazione sarà il presupposto per una maggiore capacità di apprendimento successivamente. Perché questo processo sia innescato però, anche al fine di un regolare sviluppo metabolico, l’attività motoria organizzata di ogni bambino dovrebbe essere in media almeno di 60 minuti al giorno.


L’Italia ha un tasso di obesità infantile pari al 18%, insieme alla Spagna è purtroppo ai vertici di questa classifica. L'obesità grave nei bambini è frutto di numerosi problemi cardiovascolari e metabolici che sono negativi immediatamente e anche a lungo termine. L’inattività favorisce l’insorgenza di queste patologie, tanto quanto la presenza di stati di malessere legati alle vere e proprie malattie ipocinetiche (dovute all’assenza di sufficiente attività motoria), che minano la sana crescita dei ragazzi.


Se purtroppo nel nostro Paese si soffre un deficit importante nella scuola, visto che Italia è l'unico paese in Europa a non avere docenti di scienze motorie alla primaria, occorre pensare alla crescita motorio-sportiva dei propri figli tra le tante realtà sportive del nostro territorio.

Fa nettamente la differenza affidarsi ad un team di professionisti, perché capaci, non solo di guidare il ragazzo da un punto educativo e nella relazione con i compagni di gioco, ma anche per individuare precocemente atteggiamenti motori o posturali scorretti. L’educazione al buon movimento è la base per una sana crescita muscolo-scheletrica.


Vanno bene tantissime attività, sia gli sport singoli che di squadra. Calcio, Pallavolo, tennis, nuoto o karate… ecc. sono tutte discipline che se svolte da associazioni sportive serie e ricche di professionalità, accompagneranno il globale sviluppo psicofisico del bambino.

A livello infantile e giovanile la formazione sportiva deve essere però multilaterale, spesso diversificata, meglio se all’interno di un contesto unico. In questo modo si può offrire al bambino più opzioni di crescita, per non limitare il repertorio delle esperienze e dei comportamenti, anche al fine di soddisfare la pluralità di interessi durante la crescita. La multidisciplinarietà garantisce uno sviluppo armonico dei vari sistemi e organi.


Non tutti i ragazzi diventeranno dei campioni dello sport, ma è decisivo per il loro benessere che si gettino subito le basi perché possano diventare dei ragazzi e degli adulti sani e consapevoli.


#childrenandfamily #Vicenza #Fiera